Cerca

Glicemia alta cosa mangiare?

glicemia alta cosa mangiare

Indice dei contenuti

Cosa mangiare se abbiamo la glicemia alta? Oggi voglio parlarti dell’iperglicemia, ma soprattutto di come tenere a bada i livelli di zucchero nel sangue. Prima di entrare nel dettaglio è bene fare una piccola panoramica su che cos’è l’iperglicemia. In questo modo posso spiegarti che dieta seguire per mantenere sotto controllo la glicemia e quali integratori alimentari possono essere utili.

Cos’è l’iperglicemia (glicemia alta)?

Prima di spiegarti, quindi, cosa mangiare con la glicemia alta, facciamo una piccola panoramica su cosa significa avere l’iperglicemia.

L’iperglicemia si verifica quando c’è troppo zucchero (glucosio) nel sangue. Si chiama anche glicemia alta. Ciò accade quando nel tuo corpo è presente troppo poca insulina o se il tuo corpo non può utilizzare questo ormone correttamente (parliamo quindi di resistenza all’insulina).

L’iperglicemia di solito significa che hai il diabete e le persone che ne soffrono possono sperimentare frequentemente episodi di iperglicemia.

Se soffri di iperglicemia non trattata per lunghi periodi di tempo, puoi danneggiare i nervi, i vasi sanguigni, i tessuti e gli organi.

L’iperglicemia grave può anche portare a una complicanza acuta (improvvisa e grave) pericolosa per la vita chiamata chetoacidosi correlata al diabete (DKA), soprattutto nelle persone con diabete che assumono insulina o nelle persone con diabete di tipo 1 non diagnosticato. Ciò richiede un trattamento medico immediato.

Quale livello di zucchero nel sangue è l’iperglicemia?

Per le persone a cui non è stato diagnosticato il diabete, l’iperglicemia è una glicemia superiore a 125 mg/dl (milligrammi per decilitro) a digiuno (senza mangiare per almeno otto ore).

Una persona ha il prediabete se la glicemia a digiuno è compresa tra 100 mg/dl e 125 mg/dl.

Una persona con una glicemia a digiuno superiore a 125 mg/dl in più di un’occasione di solito riceve una diagnosi di diabete, in genere diabete di tipo 2. Le persone con diabete di tipo 1 di solito hanno un livello di zucchero nel sangue molto alto (superiore a 250 mg/dL) al momento della diagnosi.

Per una persona con diabete, l’iperglicemia è generalmente considerata un livello di glucosio nel sangue superiore a 180 mg/dl una o due ore dopo aver mangiato. Ma questo può variare a seconda degli obiettivi target di zucchero nel sangue.

Cos’è lo zucchero nel sangue?

Il glucosio (zucchero) proviene principalmente dai carboidrati presenti negli alimenti e nelle bevande che consumi. È la principale fonte di energia del tuo corpo. Il tuo sangue trasporta il glucosio a tutte le cellule del tuo corpo da utilizzare per produrre energia.

Se non hai il diabete, diversi processi corporei aiutano naturalmente a mantenere la glicemia entro un intervallo sano. L’insulina, un ormone prodotto dal pancreas, è il contributo più significativo al mantenimento di un livello sano di zucchero nel sangue.

La glicemia alta si verifica molto spesso a causa della mancanza di insulina o di resistenza all’insulina. Questo porta al diabete. Le persone che soffrono di diabete devono utilizzare farmaci, come farmaci per il diabete orale o insulina sintetica, e/o modificare lo stile di vita per mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro i limiti.

Quanto è comune l’iperglicemia?

L’iperglicemia e il diabete sono molto comuni. Gli episodi di iperglicemia sono molto spesso presenti nelle persone che soffrono di diabete. In Italia si stima che circa il 5.9% delle persone soffre di diabete. Significa oltre 3,5 milioni di Italiani. Al link che ti ho segnalato poco fa trovi i dati istat aggiornati al 2021 e pubblicati dal Ministero della Salute.

Glicemia alta, cosa mangiare per stare bene

Cosa prevede la dieta per le persone con la glicemia alta?

La dieta delle persone affette da diabete che soffrono di iperglicemia si basa sul consumo di pasti sani a orari regolari. Mangiare pasti a orari regolari aiuta a utilizzare meglio l’insulina che il corpo produce o ottiene attraverso i farmaci.

Vediamo cosa mangiare se soffri di glicemia alta o di diabete. Questi sono dei semplici consigli, ti raccomando di sentire il tuo medico o dietista di fiducia per avere un piano personalizzato in base alle tue condizioni di salute.

Alimenti consigliati per chi soffre di glicemia alta

Gestisci le tue calorie grazie a cibi nutrienti, ma salutari. Scegli carboidrati sani, cibi ricchi di fibre, pesce e grassi “buoni”.

Glicemia alta cosa mangiare: perché scegliere Carboidrati “sani”?

Durante la digestione, gli zuccheri e gli amidi si scompongono in glucosio nel sangue. Gli zuccheri sono conosciuti anche come carboidrati semplici e gli amidi sono conosciuti anche come carboidrati complessi. Concentrati sui carboidrati sani, come:

  • Frutta.
  • Verdure.
  • Cereali integrali.
  • Legumi, come fagioli e piselli.
  • Latticini a basso contenuto di grassi, come latte e formaggio.
  • Evita i carboidrati meno salutari, come cibi o bevande con aggiunta di grassi, zuccheri e sodio.

A proposito, ti lascio questo link in cui parliamo del sulforafano, un super-alimento che forse non conosci.

Cosa sappiamo degli alimenti ricchi di fibre?

La fibra alimentare comprende tutte le parti degli alimenti vegetali che il tuo corpo non può digerire o assorbire. La fibra modera il modo in cui il tuo corpo digerisce il cibo e aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue. Gli alimenti ricchi di fibre includono:

  • Verdure.
  • Frutta.
  • Noccioline.
  • Legumi, come fagioli e piselli.
  • Cereali integrali.
  • Pesce (salutare per il cuore)

Mangia pesce salutare per il cuore almeno due volte a settimana. Pesci come salmone, sgombro, tonno e sardine sono ricchi di acidi grassi omega-3. Questi omega-3 possono prevenire le malattie cardiache.

Evitare il pesce fritto e i pesci con alti livelli di mercurio, come il merluzzo.

Concludiamo con i Grassi “buoni”

Gli alimenti contenenti grassi monoinsaturi e polinsaturi possono aiutare ad abbassare i livelli di colesterolo. Questi includono:

  • Avocado
  • Noccioline
  • Oli di colza, oliva e arachidi

Ma non esagerare, perché tutti i grassi sono ricchi di calorie.

Cibi da evitare con l’iperglicemia

Il diabete e l’iperglicemia aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus aumentando la velocità con cui si sviluppano arterie intasate e indurite. Gli alimenti che contengono quanto segue possono ostacolare il tuo obiettivo di una dieta sana per il cuore.

  • Grassi saturi. Evita i latticini ad alto contenuto di grassi e le proteine animali come burro, manzo, hot dog, salsicce e pancetta. Limita gli oli di cocco e di palmisti.
  • Grassi trans. Evita i grassi trans presenti negli snack trasformati, nei prodotti da forno, nei grassi e nelle margarine in stick.
  • Colesterolo. Le fonti di colesterolo includono latticini ad alto contenuto di grassi e proteine animali ad alto contenuto di grassi, tuorli d’uovo, fegato e altri organi. Obiettivo per non più di 200 milligrammi (mg) di colesterolo al giorno. (Ecco qui un link in cui ti parlo di anticolesterolo naturale)
  • Sodio. Obiettivo per non più di 2.300 mg di sodio al giorno. Il tuo medico potrebbe suggerirti di puntare a una quantità inferiore se soffri di pressione alta.

Integratori per tenere a bada i livelli di zuccheri nel sangue

Concludiamo il nostro articolo “Glicemia alta cosa mangiare” parlando degli integratori alimentari.

L’utilizzo di nutraceutici e integratori alimentari ad hoc, ti può aiutare a regolare e tenere a bada i livelli di zuccheri nel sangue. Ovviamente insieme a una dieta bilanciata, come visto sopra. Ma anche con il supporto di terapia farmacologica, laddove le tue condizioni di salute lo necessitino. Soprattutto parlane con il tuo Medico curante per trovare la soluzione più adatta al tuo stato di salute.

Un buon integratore per tenere a bada i livelli di glucosio nel sangue dovrebbe contenere:

Faseolamina un ingrediente che si comporta come un inibitore selettivo delle alfa-amilasi, enzimi pancreatici deputati alla digestione dell’amido. Rallentando la digestione e l’assorbimento dell’amido promuove la riduzione del peso corporeo, contribuisce a migliorare l’equilibrio glicemico in presenza di diabete di tipo II non scompensato“.

Banaba, che ha un meccanismo d’azione insulino-simile, attivo anche per somministrazione orale che favorisce l’utilizzo del glucosio da parte delle cellule, tanto da far attribuire il nome di fito-insulina all’acido corosolico“.

Olivello spinoso, ricco in vitamina C, in acidi organici (tra cui ricordiamo il citrico, il malico, il tartarico, l’ossalico ed il succinico) e in flavonoidi. Questa sua composizione lo rende un ottimo coadiuvante nei trattamenti cicatrizzanti, antinfiammatori, capillarotropi e lo rende un ottimo antiossidante“.

Tutti questi ingredienti e altri utili per tenere a bada i livelli di zucchero nel sangue, li trovate in Cardio24, Nutraceutico del gruppo Pharmalab24.

 

Questa lettura è stata utile? Condividila!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto